Programma

Siamo l'Italia, siamo l'Europa

Il Parlamento Europeo è una delle più importanti istituzioni dell’Unione. È al Parlamento Europeo che si progetta il futuro delle nostre vite: mi candido per continuare a rappresentare le idee e le aspirazioni dei cittadini dell’Emilia-Romagna, del Veneto, del Friuli Venezia-Giulia e del Trentino Alto-Adige.

Un'Europa a misura di cittadini

L’Europa è prima di tutto fatta di persone, che chiedono alle istituzioni rappresentanza, giustizia, vicinanza e tutela. Ho intenzione di continuare a battermi per la difesa dello stato di diritto e la promozione della partecipazione dei cittadini, la lotta alle disuguaglianze e il sostegno alle politiche di genere, l’accesso ai fondi europei, l’attenzione ai territori e promozione di una economia sostenibile per l’ambiente.

Un'Europa unita sulle migrazioni

Negli scorsi cinque anni ho maturato una grande esperienza sulle politiche di gestione dei flussi migratori. Lontano dalle visioni semplicistiche e populiste, oggi abbiamo bisogno di misure che garantiscano il rispetto dei diritti fondamentali delle persone, un approccio condiviso tra gli stati per la gestione dell’immigrazione e delle frontiere, il contrasto al traffico degli esseri umani e ad ogni forma di illegalità.

Un'Europa accogliente

L’Europa è un luogo in cui le persone devono essere libere di arrivare, un luogo in cui poter vivere. Dalle operazioni di salvataggio alle pratiche di accoglienza, dai progetti di inclusione sociale a quelli di inserimento nel mondo del lavoro, fino al tema della cittadinanza europea e della lotta alle discriminazioni: al Parlamento Europeo ho intenzione di portare avanti numerose battaglie per costruire davvero, attraverso l’inclusione e l’integrazione dei nostri nuovi concittadini, l’Europa dei Popoli.

Un'Europa per la cooperazione

Negli scorsi anni ho contribuito ad imporre un cambiamento fondamentale sulla cooperazione internazionale: abbiamo modificato approccio, passando dal concetto dell’aiuto a quello del partenariato. Questa nuova impostazione ci permetterà di cambiare passo, costruendo vero sviluppo sostenibile sia in Europa sia all’estero, soprattutto nei paesi da cui iniziano o passano i flussi migratori, attraverso il rafforzamento delle politiche di partenariato, dallo stanziamento dei fondi alla loro stabilizzazione.

Un'Italia protagonista in Europa

Lavorare per lo sviluppo dell’Italia significa renderla protagonista in Europa. Negli scorsi cinque anni mi sono impegnata per promuovere al di fuori dei nostri confini le innumerevoli eccellenze italiane. Per questo continuerò a lavorare per la valorizzazione e la tutela degli interessi dell’Italia nelle sedi istituzionali e la promozione del Made in Italy e del know-how italiano.